Notaio Gianluca Cesare Platania - Bergamo

Rivalutazione terreni e partecipazioni 2016

Rivalutazione-terreni-e-partecipazioni-2016-notaio-Platania-Bergamo-300x180 Rivalutazione di terreni e partecipazioni
Legge di Stabilità 2016

Rivalutazione terreni e partecipazioni 2016: la cd. Legge di Stabilità 2016, – L. n. 208 del 28 dicembre 2015 – all’art. 1, co. 887-888, prevede la riapertura (per la tredicesima volta) dei termini per rideterminare il valore dei terreni a destinazione agricola ed edificatoria e delle partecipazioni in società non quotate posseduti da persone fisiche per operazioni estranee all’attività di impresa, società semplici, società ed enti ad esse equiparate di cui all’art. 5 Tuir, enti non commerciali per i beni che non rientrano nell’esercizio di impresa commerciale e soggetti non residenti senza stabile organizzazione in Italia, sulla falsariga dei provvedimenti precedenti che, in sostanza, hanno reso stabile quello originario, risalente agli articoli 5 e 7 della Legge Finanziaria per il 2002 e che, ancora oggi, rappresentano la normativa di riferimento. Va, inoltre, tenuto conto in questa rivalutazione anche quanto stabilito dall’art. 7 del D.L. n.70/11 e cioè la possibilità di compensare l’imposta sostitutiva assolta con le precedenti rivalutazioni.

Il 30 giugno 2016 rappresenta il nuovo termine entro il quale redigere e giurare la perizia di stima, nonché versare l’imposta sostitutiva o la prima rata della stessa (nel caso in cui si opti per il pagamento rateale).

ATTENZIONE: L’aliquota dell’imposta sostitutiva (come previsto dal comma 888 della Legge di Stabilità 2016) è stata ormai definita nella sola ed unica misura dell’8% divenuta pertanto l’unica aliquota sostitutiva per i beni posseduti alla data del 1° gennaio 2016 e passibili di rivalutazione ossia le partecipazioni non negoziate sui mercati regolamentati a prescindere che si tratti di partecipazioni qualificate o non qualificate (si ricorda che ai sensi dell’art. 67, comma 1, lett. c) del TUIR, per partecipazioni non qualificate si intendono quelle che rappresentano complessivamente una percentuale di diritti di voto esercitabili nell’Assemblea ordinaria pari o inferiore al 20% ovvero una partecipazione al capitale o al patrimonio pari o inferiore al 25%) e terreni (agricoli, edificabili e lottizzati). Riassumendo, queste le aliquote che si sono susseguite negli ultimi tre anni fino all’attuale ed unica aliquota dell’8%:

  • fino al 30 giugno 2014 per le partecipazioni e terreni posseduti al 1° gennaio 2014 (in forza della Legge di Stabilità 2014 – L. n. 147 del 27 dicembre 2013, art. 1, co. 156) le aliquote erano del 2% per le partecipazioni non qualificate e del 4% per le partecipazioni qualificate e per i terreni;
  • fino al 30 giugno 2015 per le partecipazioni e terreni posseduti al 1° gennaio 2015 (in forza della Legge di Stabilità 2015 – L. n. 190 del 23 dicembre 2014, art. 1, co. 626-627) le precedenti aliquote erano state raddoppiate e pertanto divenute del 4% per le partecipazioni non qualificate e dell’8% per le partecipazioni qualificate e per i terreni;
  • fino al 30 giugno 2016 per le partecipazioni e terreni posseduti al 1° gennaio 2016 (in forza della Legge di Stabilità 2016 – L. n. 208 del 28 dicembre 2015, art. 1, co. 887-888) è stata fissata l’unica aliquota dell’8% valevole sia per i terreni e partecipazioni qualificate sia per le partecipazioni non qualificate.

Un soggetto che possiede un terreno o una partecipazione potrebbe avere convenienza ad utilizzare l’opportunità offerta dalla Legge di Stabilità, nell’intento di conseguire un legittimo risparmio fiscale in vista della loro cessione. Infatti, è possibile affrancare le plusvalenze latenti nei valori di questi beni, corrispondendo un’imposta sostitutiva di quella ordinaria, così generando un carico tributario anche molto ridotto rispetto a quello che si avrebbe operando normalmente.

Facciamo un esempio: Tizio è proprietario di un terreno edificabile, posseduto al di fuori di un’eventuale attività imprenditoriale dallo stesso svolta ed acquistato anni prima per Euro 100.000; intende adesso venderlo per il prezzo di Euro 200.000. La differenza tra il costo di acquisto (aumentato dei costi inerenti il fondo quali le imposte pagate in sede di atto notarile, le spese notarili e gli eventuali oneri di urbanizzazione sostenuti che nel nostro esempio quantifichiamo in Euro 10.000) ed il prezzo di rivendita è di Euro 90.000 (200.000 – 110.000) e corrisponde alla plusvalenza realizzata, ovvero la differenza lucrata con la rivendita. Tale plusvalenza rientra nei cd. redditi diversi (quella categoria residuale di redditi ai fini Irpef che, per la carenza di alcuni requisiti, non possono rientrare nelle altre categorie reddituali, come ad esempio quella dei redditi d’impresa). In tal caso Tizio ha 2 possibilità: 1) portare tale plusvalenza nella determinazione del proprio reddito imponibile in sede di dichiarazione annuale Irpef ed assoggettarla alla tassazione ordinaria (con aliquota Irpef che per le persone fisiche variano tra il 23% ed il 43%); 2) procedere prima della vendita ed entro il 30 giugno 2015 alla rivalutazione del terreno fino ad Euro 200.000 ed al versamento dell’imposta sostituiva dell’8% sull’intero valore rivalutato (nel nostro esempio Euro 16.000, pari all’8% del valore rivalutato di Euro 200.000) nei termini e con le modalità sotto indicate. E’ ovvio che per il venditore Tizio è più vantaggioso procedere alla rivalutazione con il pagamento dell’imposta sostitutiva anziché assoggettare la plusvalenza realizzata alla propria aliquota Irpef. (N.B.: qualora si fosse trattato di un terreno agricolo bisogna tener conto che: a) la plusvalenza si verifica solo nel caso di rivendita prima dei 5 anni dall’acquisto, laddove la vendita dei terreni edificabili se effettuata ad un prezzo superiore al prezzo di acquisto determina sempre una plusvalenza tassabile a prescindere dall’epoca di acquisto; b) nel caso di terreno agricolo rivenduto prima dei 5 anni dall’acquisto Tizio ha un’altra possibilità ovvero chiedere l’applicazione dell’imposta sostitutiva “secca” pari al 20% sulla plusvalenza realizzata tramite dichiarazione resa al notaio all’atto della cessione corrispondendo in sede di atto nel nostro esempio la somma di Euro 18.000, ovvero il 20% di 90.000 Euro).

Con il nuovo provvedimento, la rivalutazione può essere eseguita se i beni sono posseduti alla data del 1° gennaio 2016, e consegue effetti solo se si redige un’apposita perizia giurata di stima entro il 30 giugno 2016, che è anche la data per versare l’imposta sostitutiva dovuta, ovvero la prima rata.

Per le partecipazioni la perizia può essere predisposta anche successivamente alla cessione della stessa, purché entro il termine ultimo del 30 giugno 2016.

Per i terreni, invece, la perizia deve essere necessariamente predisposta prima della loro cessione, poiché, come ricordato dall’Agenzia delle Entrate nella Circolare n. 1/E del 15 febbraio 2013, il valore ivi indicato dal perito costituisce valore minimo al quale fare riferimento anche ai fini delle imposte d’atto (registro, ipotecaria e catastale) e, in quanto tale, deve essere indicato nell’atto di trasferimento (si precisa che la stessa Agenzia delle Entrate con la Risoluzione n. 53/E del 27 maggio 2015, mutando il proprio precedente orientamento, ha affermato che l’asseverazione di giuramento della perizia in data successiva al rogito non comporta la decadenza dal regime, fermo restando l’obbligo di redazione della perizia stessa anteriormente all’atto, stante l’onere di indicare nello stesso tale valore periziato). Il versamento dell’imposta potrà invece essere anche successivo alla cessione, qualora quest’ultima avvenga comunque entro il 30 giugno 2016, termine ultimo per il versamento dell’imposta sostituiva.

Con rifermento ai terreni, nel caso in cui si decida di vendere ad un prezzo inferiore alla precedente rivalutazione, è ammessa una successiva rivalutazione “al ribasso” al fine di alleggerire l’importo delle imposte indirette in sede di atto (rivalutazione al ribasso che diventa uno strumento utile nel caso in cui si decida di vendere ad un prezzo inferiore al precedente valore rivalutato: per maggiori informazioni sul tema della vendita a prezzo inferiore alla rivalutazione clicca qui)

La rivalutazione si perfeziona con il versamento da parte dei contribuenti di un’imposta sostitutiva da calcolarsi sul valore dei beni in questione emergente da un’apposita perizia, nella misura del:

  • 8% per i terreni agricoli e le aree edificabili:
  • 8% per le partecipazioni qualificate;
  • 8% per le partecipazioni non qualificate.

Tale imposta può essere versata in un’unica soluzione entro il 30 giugno 2016 oppure essere rateizzata fino ad un massimo di tre rate annuali di pari importo, a decorrere dal 30 giugno 2016 (ovvero: la prima rata da versare entro il 30 giugno 2016; la seconda rata da versare entro il 30 giugno 2017; la terza ed ultima rata da versare entro il 30 giugno 2018).

Sull’importo delle rate successive alla prima sono dovuti gli interessi nella misura del 3% annuo, da versarsi contestualmente.

Esempio:

Tizio acquista nel 2011 un terreno edificabile per il prezzo di Euro 100.000; entro il 30 giugno 2016 procede con perizia giurata a rivalutarlo fino ad Euro 150.000.

L’imposta sostituiva dell’8% da calcolare sull’intero importo rivalutato corrisponderà pertanto ad Euro 12.000 (150.000 x 8%).

Tale importo potrà essere pagato mediante il modello F24 (indicando quale codice tributo “8056”) in due modi:

  1. in unica soluzione entro il 30 giugno 2016 per Euro 12.000;
  2. in tre rate di pari importo (con gli interessi del 3% per la seconda e del 6% per la terza rata) e precisamente: 1° rata entro il 30 giugno 2016 di Euro 4.000; 2° rata entro il 30 giugno 2017 di Euro 4.120 (4.000 di imposta + 3% di interessi); 3° ed ultima rata entro il 30 giugno 2018 di Euro 4.240 (4.000 di imposta + 6% di interessi).

Nel caso in cui i soggetti in questione abbiano già effettuato una precedente rivalutazione, è ammessa la detrazione dall’imposta sostitutiva dovuta per la nuova rivalutazione dell’importo relativo all’imposta sostitutiva già versata. Tale facoltà di detrazione è ammessa anche nel caso di ulteriore rivalutazione “al ribasso”, tenendo presente però che il raddoppio delle aliquote a far data dal 2015 per i terreni ha comportato un costo per tale successiva rivalutazione: infatti nel caso di una nuova perizia “al ribasso”, mentre sino al 30 giugno 2014 non si sarebbe pagato nulla di imposta sostitutiva in forza della compensazione con l’imposta sostitutiva pagata per la precedente valutazione (avendo entrambe le imposte sostitutive un’aliquota del 4%), oggi, con l’aliquota raddoppiata all’8%, sarà difficile non pagare nulla (esempio: precedente rivalutazione di 200.000 con imposta sostitutiva del 4% pari ad Euro 8.000; fino al 30 giugno 2014 una successiva rivalutazione “al ribasso” di Euro 150.000 avrebbe determinato una nuova imposta sostitutiva di Euro 6.000, compensata interamente dalla precedente imposta sostitutiva; oggi, con una rivalutazione fatta entro il 30 giugno 2016, si avrà un’imposta di Euro 12.000, da compensare con la precedente di Euro 8.000: ne deriva che nell’esempio fatto fino al 30 giugno 2014 non si sarebbe pagato nulla per la nuova rivalutazione “al ribasso”, mentre oggi il contribuente dovrà pagare Euro 4.000). Ovvio che se la precedente rivalutazione fosse avvenuta nel 2015, la successiva rivalutazione “al ribasso” effettuata nel 2016 non comporterà nessun aggravio di spesa considerato che per entrambe vige la medesima aliquota dell’8%.

Per il tema della vendita del terreno ad un prezzo inferiore al valore rivalutato di perizia clicca qui

Se hai altre domande o quesiti da porre puoi scrivere al notaio cliccando qui oppure venirci a trovare presso lo studio notarile di Bergamo, Via dei Partigiani 5

Per un esame più approfondito su requisiti, termini e altro clicca sotto su Rivalutazione terreni e partecipazioni 2016

icondown

Rivalutazione terreni e partecipazioni 2016

Pubblicato il

Tel. 035 235001
Fax 035 235868

DA LUNEDI A VENERDI
8.30 – 12.30
14.30 – 18.30

BERGAMO
Via dei Partigiani 5

successione legittima testamentaria ereditaria - notaio Platania - Bergamo

Accettazione e rinuncia di eredità

    ACCETTAZIONE E RINUNCIA DI EREDITA’ LE RISPOSTE ALLE DOMANDE PIU’ RICORRENTI  1) Quando e dove si apre la successione? 2) Quanto tempo ho per […]

Agevolazioni fiscali 2014 prima casa - coltivatori diretti - separazione e divorzio - credito di imposta - notaio Platania - Bergamo

Agevolazioni fiscali 2014: prima casa, coltivatori diretti, trasferimenti in sede di separazione e divorzio…cosa cambia dal 1° gennaio 2014?

Agevolazioni fiscali: cosa cambia dal 1° gennaio 2014 L’articolo 10 del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23, (come modificato dall’articolo 26, comma 1, del decreto-legge 12 […]

Agevolazioni prima casa: tutte le informazioni riguardanti le agevolazioni prima casa, quali aliquote applicate, beni, diritti e contratti che ne possono usufruire, requisiti richiesti, termini, decadenze e sanzioni

Agevolazioni prima casa

Agevolazioni prima casa: tutte le informazioni riguardanti le agevolazioni prima casa, ovvero: 1) le aliquote agevolate; 2) atti e diritti ai quali si applicano le […]

calcolo-rendita-2016-notaio-bergamo

Calcolo rendita 2014

Tabelle per determinare il valore della rendita perpetua, vitalizia ed  tempo determinato – 2014 ATTENZIONE: A seguito del cambio del tasso di interesse legale, passato […]

Usufrutto 2014-notaio Platania-Bergamo

Calcolo usufrutto 2015

Calcolo usufrutto: tabelle per determinare il valore del diritto di usufrutto (abitazione o uso) vitalizio ed a tempo determinato – a far data dal 1° gennaio 2015 A seguito […]

notaio cessione area Comune Bergamo

Cessione gratuita di aree al Comune a scomputo di oneri di urbanizzazione

L’Agenzia delle Entrate con la Risoluzione n. 68/E del 3 luglio 2014 ha finalmente sgomberato i dubbi sulla persistenza delle agevolazioni disposte dall’articolo 32 del DPR […]

L’articolo 7 della Legge n. 448 del 23 dicembre 1998 prevede l’attribuzione di un credito d’imposta prima casa per le persone che hanno ceduto a qualsiasi titolo l’abitazione, a suo tempo acquistata con atto soggetto ad imposta di registro o ad Iva ed usufruendo delle agevolazioni prima casa, ed entro un anno dalla cessione acquistano a qualsiasi titolo un’altra abitazione per la quale richiedono le agevolazioni prima casa

Credito d’imposta prima casa

L’articolo 7 della Legge n. 448 del 23 dicembre 1998 prevede l’attribuzione di un credito d’imposta prima casa per le persone che hanno ceduto a qualsiasi […]

Contratto preliminare di compravendita

Il contratto preliminare di compravendita

1) Cos’è il contratto preliminare di compravendita o compromesso?  2) Ho firmato presso l’agenzia immobiliare una proposta di acquisto. Che differenza c’è con il contratto preliminare […]

notaio bergamo patto di famiglia

Patto di famiglia

PATTO DI FAMIGLIA – UNO STRUMENTO AGEVOLATO E SICURO PER IL PASSAGGIO GENERAZIONALE DELL’IMPRESA LE RISPOSTE ALLE DOMANDE PIU’ RICORRENTI 1) Cos’é? 2) A cosa […]

bergamo polizze vita notaio

Polizze vita di nuova generazione e passaggio generazionale

Polizze vita di nuova generazione e passaggio generazionale: così è più facile, economico e sicuro Quando si parla di passaggio generazionale e successione gli elementi […]

PROVENIENZA DONATIVA: Problemi e rimedi

Provenienza donativa: casi, problemi e possibili rimedi

1) Perché la provenienza donativa crea problemi nella circolazione immobiliare? Cosa bisogna sapere? Quali rischi si corrono?  2) Le provenienze donative sono tutte ugualmente problematiche […]

Ristrutturazione edilizia agevolazioni fiscali-notaio Platania - Bergamo

Ristrutturazione edilizia agevolazioni fiscali

Ristrutturazioni edilizia: le agevolazioni fiscali (Agenzia delle Entrate – Guida 2014) Ristrutturazione edilizia agevolazioni fiscali. Quali novità dal 2014? La Legge di Stabilità 2014 in tema di ristrutturazione […]

Rivalutazione terreni e partecipazioni 2014-notaio Platania-Bergamo

Rivalutazione terreni e partecipazioni 2014

 Rivalutazione di terreni e partecipazioni Legge di Stabilità 2014  ATTENZIONE: la cd. Legge di Stabilità 2015 – L. n. 190 del 23 dicembre 2014, art. 1, […]

Start up innovative Bergamo notaio studio notarile Platania

Start up innovative

Normativa, Requisiti, Pubblicità e durata delle Start up innovative  Start up innovative a vocazione sociale – Incubatori certificati Quadro normativo di riferimento delle Start up […]

successione legittima testamentaria ereditaria - notaio Platania - Bergamo

Successione legittima

SUCCESSIONE LEGITTIMA LE RISPOSTE ALLE DOMANDE PIU’ RICORRENTI 1) Cos’è la successione legittima? 2) Quando si apre la successione legittima? 3) Qual’è la differenza tra la […]

Successione testamentaria e legittimari

Successione testamentaria e legittimari

SUCCESSIONE TESTAMENTARIA E DIRITTI DEI LEGITTIMARI LE RISPOSTE ALLE DOMANDE PIU’ RICORRENTI 1) Che differenza c’è tra il testamento olografo ed il testamento pubblico? 2) Un […]

testamento internazionale-notaio Platania-Bergamo

Testamento internazionale

La L. 29 novembre 1990, n. 387 (entrata in vigore il 16 novembre 1991), ratificando la Convenzione di Washington del 26 ottobre 1973, ha introdotto […]

Usufrutto 2014-notaio Platania-Bergamo

Calcolo usufrutto 2014

Calcolo Usufrutto: tabelle per determinare il valore del diritto di usufrutto (abitazione o uso) vitalizio ed a tempo determinato – a far data dal 1° gennaio 2014 ATTENZIONE: A seguito […]

Vidimazione libri sociali - notaio Platania - Bergamo

Vidimazione libri sociali

Vidimazione libri sociali Tabelle relative ai costi ed alle procedure di vidimazione La vidimazione libri sociali (e bollatura), è prevista attualmente per i soli libri sociali […]